Halloween: Hello(f)week

“Non c’è anche, forse oltre a un desiderio innato di libertà, un desiderio istintivo di sottomissione? (…) E’ sempre sottomissione ad un’autorità manifesta o c’è anche sottomissione ad entità interiorizzate, come il dovere o la coscienza, a costrizioni interne o ad autorità anonime come l’opinione pubblica? Che cos’è che crea negli uomini una brama insaziabile di potere? E’ la loro energia vitale, o è una fondamentale debolezza e incapacità di vivere la vita spontaneamente e con amore? ”
(E.Fromm)

Sul Sole 24 Ore di oggi, Gianfranco Ravasi scrive Il fiore della Morte, citando il Libro d’Ore di Rilke. Finita questa serie di nomi, quelle poche righe si sono subito messe a braccetto con i miei pensieri di queste Ore e hanno cominciato a danzarmi in testa un sacco di disordinati paradigmi, alcuni banalmente ovvi, altri molto più complessi.

In primis..ieri era il giorno dei morti, ma mi è stato impossibile andare a  vedere la tomba di mio padre a causa di un crollo in cimitero. La cosa non mi ha disturbato molto -ho un rapporto abbastanza sterile con le costruzioni che i vivi fanno per ricordarsi chi non c’è più. Mi ha però affascinato vedere le reazioni delle persone che si trovavano davanti i cartelli di divieto. Niente di esagerato, però mi piacerebbe essere Saramago con le sue virgole frenetiche o Pessoa con la sua capacità di rendere poetico il più insulso dei capannelli umani, per raccontare come alcuni non si davano pace, mentre altri hanno iniziato ad accusare le istituzioni in genere e alti ancora, neanche a dirlo, facevano su dell’umore. Black Humor all’italiana, si capisce.

E’ proprio dell’animo umano tanto affliggersi nella sofferenza, quanto stemperare il dolore. Lo dimostra chiaramente Halloween -festa della quale abbiamo importato solo il nome e le zucche. Secoli fa si festeggiava paganamente il cambio di stagione, che fosse l’estate (romano) o l’anno (celtico). Oggi questo collegamento con la sua derivazione naturale si è sbiadito ma non si può cancellare che si sia sempre trattato di una festa di transizione. LA conclusione di qualcosa e L’inizio di qualcos’altro. Resta da decidere quale aspetto si preferisce e quale esigenza di catarsi prevalga.

Questo mi suggerisce che il presente non è nè può essere lo stesso per tutti. La nostra interpretazione temporale fa sì che ognuno di noi abbia una diversa percezione di attimi identici e persino diverse rappresentazioni personali di uno stesso attimo (i possibili Times della foto).

Per ricondurre il tutto alla citazione iniziale, mi chiedo, come e quanto è sottomesso ognuno di noi al proprio presente? Ovviamente, la risposta è: in maniera variabile, tautologico. Il fatto è però che la misura in cui ognuno è vittima della propria ansia del presente lo trasforma in un servo obbediente delle proprie entità interiorizzate. Così che, vi può essere chi per assurdo, si ritrovi ad essere vittima dell’interiorizzazione e stigmatizzazione del concetto di libertà, che è di per sè, negazione della libertà stessa. Il che significa che le proprie interiorizzazioni (costruite) prevalgono alle nostre esigenze (per natura) in maniera così subdola da farci facilmente credere di essere masters of our own destiny.

Ad ogni modo, per stemperare la cosa. La foto rappresenta una delle viste più belle del centro storico di Tallinn, dalla cima della collina di Toompea. LA casualità a volte. Volevo scrivere di quello che hanno combinato i miei “amici” di Transferwise (estoni convinti) a Londra per la parata di Halloween, ricollegandomi al mio primo e vero Halloween negli Stati Uniti, ma l’umore di questi giorni non solo me l’ha impedito, ma mi ha aperto una strada tutta nuova. Mi ha permesso di cogliere il significato recondito di quella scritta, che vedevo tutti i giorni andando in ufficio e domandomi che senso avesse mai potuto avere. Ad oggi non ne ho ancora certezza, ma ho un paio di ipotesi.

Era un anno fa, tutta un’altra vita.

E un’altra vita era anche 39 anni fa, questo stesso giorno: Pier Paolo Pasolini (5 marzo 1922 – 2 novembre 1975)

Background : https://www.youtube.com/watch?v=lstDdzedgcE&list=RDJS8m44KjGGU&index=11

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...