Casa. Casae. Casae.

Adesso taciutasi la voce, tutto rientrava nell’ordine, nel disordine, consueto.
(Il Gattopardo)

Da dove principiamo? Avere un’opinione chiara e ben costruita è senza alcun dubbio una delle cose più complesse che ci siano. Mi spiego. O meglio, SI spiega. Wittgenstein diceva: “Il linguaggio è un labirinto di strade. Vieni da una parte e ti sai orientare; giungi allo stesso punto da un’altra parte, e non ti raccapezzi più“. Mannaggia! Però diceva anche: “Chi volesse dubitare di tutto, non arriverebbe neanche a dubitare. Lo stesso giuoco del dubitare presuppone già la certezza.” Uff, salvo.

Gli stimoli di stasera sono stati un Montalbano d’annata e la peana dedicata da un amico alla mia città, alla sua città. Il pensiero di riferimento: il senso di appartenenza. Come strascico o ciò che elaboravo ieri, stavo pensando a cosa fosse per me una dimora. Dopo questi mesi “a casa” e quelli precedenti saltellando da una parte all’altra dell’Oceano, mi domandavo perché sia così complesso trovare una quiete e una matrice identificativa. Ad esempio, al di là dello scarso sentimento patriottico nei confronti della città che mi ha dato i natali, non mi sognerei nemmeno mai di dire “la mia Sicilia”. Un po’ perchè non vorrei io, ma soprattutto perchè non vorrebbe Lei. Così come non potrei nemmeno tacciarmi di essere Istriano o di aver assunto per simbiosi una delle tante “di Origine Controllata” nei vari luoghi che mi hanno accolto: dal Campidano, alla California, passando per la Galizia.

Però…con la Trinacria c’è qualcos’altro che non so bene come spiegare. LA nostra relazione è iniziata tardiva, ma forse un po’ come questo blog, era già in potenza molto prima di esserlo in Atto. Mi ricordo la prima volta che scesi con mia nonna. Mi misero in mano una Golf 2000eccetera con un’assicurazione chiaramente contraffatta, mi si permise di fumare alla guida e di autogestirmi in mezzo al traffico insensato delle province agrigentine. Mai, mi capitò di sentirmi così a casa come in quei primi momenti.

Quella terra dove i cognomi sono impronunciabili e quando si shpara non è peffare una rumorata. Quella terra, fatta di gelosie e bellezze non espresse, “isola segreta dove le case sono sbarrate e i contadini dicono d’ignorare la via per il paese nel quale vivono e che si vede lì sul colle a dieci minuti di strada, in quest’isola, (dove) malgrado l’ostentato lusso di mistero, la riservatezza è un mito.”

E’ questo il mio omaggio ad un amore mal consumato verso Colei che è complice della mia Esistenza, ma che forse non è nulla di più di un’idea. Ok questo è finito, ma poi c’è dell’altro. Perchè se fosse così semplice non servirebbe il Wittgestein iniziale.

Cosa sono le origini? Dove si appartiene? Perchè? Ma anche quando? soprattutto, con chi? In che senso? A che pro? E in quale direzione? Quale necessità ci impone di autoidentificarci con il nostro luogo di origine? Ha ragione di nuovo Fromm con l’analisi delle relazioni con le interiorizzazioni? O la sciapa e basilare analisi naturale simil pax britannica? Quanto può essere incidente la falta di senso di appartenenza? E la maniera di elaborare pensieri in forma di lingua quanto condiziona i nosti gesti?

Rispondere non è poi così necessario dato che le risposte sono sempre limitate, provvisorie, insoddisfacenti. Le domande invece sono il vero motore. Perciò, penso solo al buddista meraviglioso che tenta di fermare la latinizzazione della lingua araba attraverso i 36 stratagemmi dei Ching, che caso vuole sempre dal centro del Nostro Mare arriva:

E ti vengo a cercare (…) perchè ho bisogno della tua presenza per capire meglio la mia essenza

Niente c’entra, ma forse sì, – come Jack Folla vai Mr Dj che Alcatraz è lontana:
1)https://www.youtube.com/watch?v=0i0mUT2k34U
2)https://www.youtube.com/watch?v=gfHpWwWu-qY&list=RDJ1IT9WqI7zA&index=13

PS: la peana a cui facevo riferimento è dedicata da Fede Mc Allister a Novara, ma non la trovo più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...